• 3348308891
  • dgtpi@italink.net

CIS Promozione Lazio 7: e due!

CIS Promozione Lazio 7: e due!

La bellezza del CIS di quest’anno è che non c’è neanche il tempo di rifiatare, visto il susseguirsi quasi continuo delle partite.

E così, domenica 1 marzo c’è stata un’altra bella giornata dedicata agli scacchi, questa volta ospitati (come spesso accade  grazie al sodalizio locale e  alla sensibilità dell’Amministrazione locale) nella suggestiva sala del Palazzo Ducale di Atina,

con il secondo turno. Prosegue la nostra marcia positiva con la netta vittoria per 3 a 1 sulla giovane e tenace compagine dell’Alfiere di Atina, che vanta anche uno dei giocatori più giovani dell’intera competizione, penso anche a livello nazionale: mi riferisco a Leonardo Pagnani, “veterano” di ben 7 anni, che ha ereditato la passione da nonno Paolo. E, se l’amico Paolo mi consente 🙂 , si spera che abbia anche un talento ben maggiore! Nel senso che abbiamo bisogno di bambini e ragazzini dotati, per sperare in un futuro degli Scacchi in zona. Troppo presto per fare previsioni, naturalmente, ma se l’interesse e la  voglia rimangono… beh, a 7 anni si può  solo migliorare! In zona abbiamo una nidiata di potenziali campioncini: se si riuscisse a  coordinare efficacemente l’attività giovanile, il ricambio sarebbe assicurato, e a un livello ben più alto di quello attuale.

Nel nostro incontro, in prima scacchiera Luca Di Gasparro si è battuto bene contro di me, ma purtroppo perdere banalmente un pedone alla 14a mossa (cedendo per di più l’iniziativa) non è mai una buona idea… A Luca va dato atto

di aver provato a resistere fino in fondo, ma forse un pizzico di arricchimento strategico gli sarebbe assai utile per migliorare una prospettiva già interessante. Il Maestro Sergio Sollima ha avuto la meglio contro Vincenzo Toscano, un sedicenne che ha evidenziato chiari miglioramenti nell’ultimo anno e una tenacia non comune. Amaro esordio invece per il fischeriano Alex: messa da parte la Najdorf, ha tentato un rientro nella Sveshnikov in maniera molto maldestra in un’apertura oggettivamente giocata maluccio da entrambi i colori. Poteva non scapparci la  cappella, in un contesto del genere? Ovviamente no, e difatti Andrea Palombo (giovane ma comunque più esperto) ne ha approfittato, guadagnando prima la  vitale casa “d6” e poi un pezzo: la partita praticamente finiva con la triste macellazione del Cavallo nero, e segnava il punto della bandiera per “L’Alfiere“. Sergio Marandola non aveva problemi invece contro il piccolo Leonardo Pagnani: tanta buona volontà e tanta grinta da vendere, accanto a nonno Paolo (impegnato a prendercele in una gara parallela del CIS un metro più in là…).

Il prossimo turno, sulla carta per noi agevole e tranquillo, potrà cominciare a verificare le ambizioni vere delle squadre: si incontreranno infatti le due squadre a zero punti nell’ennesimo derby atinate (“Il Cavallo” e “L’Alfiere“), mentre l’altra capolista “La Torre” se la vedrà in trasferta con un’Accademia Scacchistica Ciociara che certamente non vorrà  restare fuori dei giochi già a a metà percorso.

AGGIORNAMENTO

L’avete chiesto in tanti, ed eccovi le partite (con semi-commenti) delle prime due scacchiere. Appena archiviate le altre due, pubblicherò anche quelle. Per ora, date un’occhiata a quel che passa il convento! 😀

Prima Scacchiera.

Seconda Scacchiera.


 

Per il momento, mi fermo qui: non ho ancora archiviato in .PGN le altre partite, e quindi non posso neanche far dare una rapida occhiata. Ma restate sintonizzati su queste frequenze!

No tags for this post.
admin

Devi aver fatto il login per pubblicare un commento.