• 3348308891
  • dgtpi@italink.net

Campionato Provinciale a Squadre: il punto – 2a giornata

Campionato Provinciale a Squadre: il punto – 2a giornata

Continua l’appassionato Campionato organizzato dal nostro Circolo e dalla nostra Sezione cassinate. L’entusiasmo è palpabile, la tensione al punto giusto e questi due ingredienti, accompagnati da una certa perizia di tutti i partecipanti, hanno prodotto una situazione di estrema tensione in tutte le scacchiere. Sabato scorso, 1 Dicembre,  nell’accogliente sede di Cassino, la battaglia lignea ha visto contrapposta la formazione di Cassino a Sora, mentre è stato derby vero fra Atina e Valcomino. I Capitani hanno effettuato il giusto turn over  (tacitamente programmato per consentire la più ampia partecipazione); così, per Sora c’è stato l’esordio,  peraltro sfortunato, di Monsieur Le President, Renato Verdicchio, che se l’è vista, ahilui, contro il concentratissimo e fortissimo Fabrizio De Cristofano in una Spagnola chiusa molto tesa. Io ho magnanimamente (e furbescamente: in questo modo si avvicina a passi da gigante la chiusura di un 2018 da imbattuto, roba che se lo sapevano a Londra mi avrebbero sicuramente convocato) ceduto il mio posto di Prima Scacchiera Galattica, confermando però terza e quarta scacchiera (Luciano Arbucci, alla riscossa dopo un primo turno interlocutorio, e Alessandro Fabio Marino, che prima ha fatto a fettine l’avversario,  poi per colpa di botti e canti capodanneschi di incerta provenienza -dice lui…-  si è fatto infilare come due tordi, e alla fine con unghie, denti e protesi prestate dai nonni è scampato agli shampoo paterni e del Maestro).


Il quadro che emerge, a parte il tentativo di fuga di Cassino che concede solo una patta agli avversari e il solito Alex Angelucci che ha giocato con l’auto-handicap del tempo (nel senso che, opposto all’eccellente Roccatani junior -mica alla fantesca di casa!-, si è fatto tritare sul tempo per aver giocato lampo, contro l’avversario in gravissimo zeitnot) è che, visti i risultati, appare ancora non attuale l’abdicazione dei più navigati giocatori. Infatti, ferma restando la notevolissima performance dei nostri ottimi emergenti (ricordiamo che il cucciolo dei cuccioli è il piccolo Marino con 10 anni, ma che il più esperto della giovane nidiata, l’ottimo Samuele Fazio, ha solo 15 anni!) bisogna sottolineare la prestazione di Sergio Sollima. Tranquillo, serafico, quatto quatto, ha sfoderato la sua antica Spada Laser Jedi  (opportunamente camuffata da Alfiere in fianchetto, giusto per non dare nell’occhio) che si dice sia stata forgiata da Capablanca in persona e infissa in una roccia nei pressi di Cassino. Ci crederete?  Neanche la Dama del Lago è riuscita a riprendersi questa Excalibur neocubana, e si narra che è dai tempi della sua prediletta Larsen (roba di annata, del secolo scorso: manco il Dom Perignon del ’64!) che miete vittime… e sabato non ha fatto eccezione. Ringraziamento d’obbligo al “solito” Domenico Notarnagelo, oggi in panchina a far compagnia all’Invitto Capitano, che ha coadiuvato efficacemente l’organizzazione.

In conclusione, la cosa che mi è piaciuta di più è stato lo spirito aggressivo di tutti i giocatori. Evidentemente influenzati positivamente dalla noia mortale (e non dite che non ve l’avevamo in qualche modo preannunciato) della finale di Londra, nonostante il boicottaggio della FIDE i nostri top player hanno dato vita a partite piacevoli e ricche di colpi di scena: una sola patta, per giunta combattuta, è un dato significativo, o no? Voglio citare qui anche Samuele Fazio e Igor Dotchev, avversari di turno: il primo per aver cercato a tutti i costi la vittoria in posizione equilibrata,  giocando rischiosamente pur di strappare il punto pieno; il secondo per la sua variante Godiva della Siciliana (B32) e per la tenacia con cui ha prima tenuto la posizione e poi infilato il suo giovane avversario. Insomma, si è ufficialmente aperta la caccia a Cassino e ai suoi Grandi Vecchi. Come finirà?

Per adesso, sappiamo solo che l’appuntamento è alla prossima giornata, il 15 Dicembre a Sora.


No tags for this post.
admin

Devi aver fatto il login per pubblicare un commento.